Musica

Il progetto di musica vede protagonisti i bambini suddivisi nelle tre fasce d’età e si svolge con cadenza settimanale nel periodo da gennaio a maggio.

Sin dalla nascita la realtà sonora e la musica diventano parte integrante della vita del bambino.
Ancora prima che si stabiliscano i primi contatti con l’ambiente attraverso la vista e il tatto, ai bambini giungono i suoni e i rumori della vita quotidiana: la voce di mamma, i rumori di casa, la televisione ecc.
A questo sfondo sonoro si aggiungono le prime canzoni e melodie che il bambino ascolta e che costituiscono un punto di partenza per lo sviluppo della sua sensibilità, del suo orecchio e della sua musicalità. Il bambino comincia ad esplorare le potenzialità sonore del corpo e degli oggetti, individuare il rapporto causale fonte sonore-suono codificare e decodificare i suoni attraverso il linguaggio mimico-gestuale colorico-pittorico, grafico, verbale.

Il suono come la forma, il colore, il tatto, il sapore, l’odore è una delle fonti primarie del conoscere e ancor prima di essere considerata essenziale allo sviluppo cognitivo, la musica fa parte del vissuto emotivo del bimbo.
E’ chiaro quindi che una buona educazione musicale gli permetterà di esprimere liberamente la ricchezza multiforme del suo mondo interiore e dare un volto ed una consistenza all’insieme delle stimolazioni acustiche e musicali a cui viene sottoposto ogni giorno.
Alla luce di queste premesse tale progetto è l’inizio di un percorso (che dovrebbe continuare per tutta la vita) che non vuole solo avviare il bambino al grande universo musicale, bensì contribuire con efficacia alla sua formazione e alla sua crescita globale.

Perché l’educazione musicale è un valido strumento di crescita?
E’ ormai assodato che la musica influisce positivamente sulla formazione del cervello, accresce l’intelligenza, la sensibilità e il senso estetico del bambino.
Fare musica favorisce il coordinamento motorio, l’attenzione, la concentrazione, il ragionamento logico, la memoria, l’espressione di sé, il pensiero creativo.
Inoltre è un ottimo strumento di socializzazione, esperienza corale in cui vivere e liberare le proprie emozioni, ascoltare il proprio corpo e ciò che lo circonda, mettendo in gioco la personale capacità di improvvisare e usare l’immaginazione.

Perché proprio alla scuola dell’Infanzia?
L’età prescolare è la migliore per l’apprendimento della musica; è stato provato che in questo particolare momento della vita le potenzialità uditive sono massime; ogni linguaggio quindi, compreso quello musicale, viene appreso con estrema facilità e naturalezza.

Obiettivi

Sensibilità uditiva

Sviluppo della sensibilità uditiva ( formazione dell’orecchio);

Sviluppo

Sviluppo della capacità psicomotorie e di ordine mentale

Voce

Sviluppo della voce ( canto e produzione di suoni e rumori);

Armonia

Sviluppo della società e inserimento armonico nel gruppo

Ritmo

Sviluppo del senso ritmico

Espressione

Sviluppo della capacità di espressione attraverso il linguaggio musicale

I 20 incontri del nostro progetto musicale hanno portato ottimi risultati. L’ascolto e la memorizzazione di brevi canti/filastrocche sono migliorati di volta in volta. I bambini hanno sviluppato un maggiore senso ritmico (grazie all’ascolto e al movimento guidato di musiche di velocità e generi diversi).
Inoltre hanno acquistato una migliore gestione dello spazio e maggiore padronanza della voce in canto di gruppo

Chiedi ulteriori informazioni

Vuoi maggiori informazioni sul nostro progetto musicale?

TELEFONO :

031 470695

EMAIL :

info@scuolainfanzialucino.it


Questo sito o gli strumenti da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento. Cliccando su Accetto o proseguendo la navigazione acconsenti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi